Lo svezzamento dei giovani diamanti mandarini

I giovani diamanti mandarini hanno ormai circa tre settimane; cercando di sfuggire alla mancanza di spazio, all'opprimente calore della covata o volendo semplicemente scoprire il mondo, inizieranno a uscire dal nido.
Questa uscita non è definitiva, poiché vi ritornano ancora per 2-3 giorni, ma sempre meno spesso. A volte, quando i giovani cominciano a crescere, uno di loro inizia a volare fuori dal nido qualche giorno prima della data di uscita prevista, potete lasciarlo fuori dal nido se le condizioni lo permettono, i genitori continueranno ad occuparsene. Se dovete rimetterlo nel nido, ponetelo delicatamente di preferenza alla sera e tenete la mano davanti al buco di volo, finché tutti i giovani abbiano ritrovato la loro calma.
Una mattina, quando tutti i giovani saranno usciti, si rimuoverà il nido per pulirlo prima di una nuova deposizione o in previsione della stagione riproduttiva successiva. Il nido sarà rimesso quando i giovani saranno svezzati e quindi separati dai genitori.

Spesso i genitori iniziano una nuova deposizione prima della fine dello svezzamento dei giovani. Non ci sono regole stabilite sulla questione: A volte i genitori iniziano la cova mentre si occupano dei giovani usciti dal nido, a volte vanno a spennare i giovani e smetteranno di occuparsene. L'allevatore deve essere attento nelle sue osservazioni. A casa, preferisco togliere le uova deposte a terra per darle ad un'altra coppia o per ridarle alla coppia dopo lo svezzamento quando il tempismo lo consente.

Il periodo di svezzamento corrisponde al periodo in cui il giovane uccello imparerà a nutrirsi da solo e così acquisire la sua autonomia. È quindi un momento delicato in cui sarà importante osservare gli uccelli per non fare l'errore di separare troppo presto un giovane dai suoi genitori.Generalmente un giovane diamante mandarino sta per essere svezzato circa 35 giorni di vita. Ancora una volta, l'osservazione è di rigore; e inutile prendere rischi, è una questione di pochi giorni.

Le sevrage des diamant mandarin3

I giovani uccellini sono stati nutriti dai genitori che hanno rigurgitato i semi e/o il cibo che viene distribuito quotidianamente in questo periodo. Ora devono imparare a sgusciare i semi e a mangiarli da soli. Prima gli uccellini saranno autosufficienti, prima saranno svezzati.
I genitori riducono il rigurgito del cibo.
Ma se i giovani ne avvertono il bisogno andranno a cercarne da soli, è un cibo facile di accesso che servirà loro da transizione. Inoltre, alcuni allevatori mettono a disposizione dei giovani uccelli dei semi germinati: Questi semi «molli» sono facili da sgusciare e da ingerire. Da parte mia, appena usciti dal nido, gli uccelli hanno a disposizione permanente il miglio a grappolo (rosso e giallo che io alterno ogni giorno).

Per i primi giorni potrete facilitare l'accesso dei giovani al cibo utilizzando delle piccole tazze non troppo alte, dei coperchi a barattolo, piccolo piatto, ramecchino posti sul fondo della gabbia. Alcuni allevatori (di cui faccio parte) non cambiano nulla e mantengono le mangiatoie tradizionali senza osservare particolari problemi.

Durante il periodo di svezzamento, i genitori continueranno a nutrire i giovani, ma sempre meno spesso. Attenzione prima di separare i giovani dai genitori, per assicurarsi che mangino bene da soli perché un giovane rapito prematuramente rischia di essere male accolto se lo rimettete con i suoi genitori, soprattutto se hanno ricominciato una covata.
Quando rimuovete i vostri giovani, può essere utile metterli in una voliera con altri giovani già svezzati, o un vecchio maschio, una vecchia femmina in modo che finiscano di imparare a nutrirsi da soli. Infine, alcuni giovani sono più tardi di altri, quindi attenzione.
A casa per mancanza di spazio per la costruzione di voliere, uso grandi gabbie da 1,20 m per lo svezzamento dei giovani è altrettanto efficace a condizione di mettere una quindicina di giovani in gabbie.Per il cibo, sempre miglio a grappolo per almeno quindici giorni, così come per l'«annata» (il miglio che cade dai grappoli che raccolgo da un produttore locale). Per anni ho dato cibo ai giovani svezzati, ma è stato un errore perché alcuni giovani preferiscono questo cibo facile da ingerire e l'interruzione del cibo hanno creato preoccupazione per alcuni.

Nello stesso periodo, il becco del giovane si colora e il piumaggio adulto si mette in posa. Il becco si schiarisce partendo dalla base fino alla punta fino a diventare rosa, poi si colora di un rosso corallo per i maschi e rosso rosato per le femmine.
Appare il piumaggio caratteristico dei maschi (fianchi, guance, gola, pettorina e barra del torace). Alcuni uccelli molto intensivi a colori hanno già i disegni all'uscita del nido:

Le sevrage des diamant mandarin1

Verso il terzo mese della loro vita i giovani hanno il loro piumaggio definitivo.

Vari problemi possono essere osservati in questo periodo critico della vita del diamante mandarino come una certa aggressività dei genitori verso i giovani. Spesso è legato all'eccitazione troppo grande della coppia che pensa più alla riproduzione che allo svezzamento per vari motivi:

- Un apporto eccessivo di vitamine
- La ricerca di materiali per la successiva covata, da cui la spillatura delle piume dei giovani
- Attacco dei giovani per allontanarli dal nido. Per questo vi consiglio di rimuovere il nido pochi giorni dopo l'uscita dei pulcini.
Ma a volte questo sarà semplicemente dovuto al carattere aggressivo proprio dell'uccello. Non sono tutti uguali! Contrariamente a quanto si crede, alcune coppie di diamanti mandarini sono dei pessimi nutrici. A volte può essere necessario separare la coppia (più spesso si lascia la femmina con i suoi giovani). Alcuni usano gabbie con separazioni di griglia. I genitori continuano a nutrire i giovani attraverso la griglia.
Ma, naturalmente, non bisogna confondere con una leggera aggressività che ha lo scopo verso la fine dello svezzamento di respingere i giovani affinché si sbrighino un po' più da soli.

Le sevrage des diamant mandarin2

Alcuni punti che mi sembra importante riassumere qui:

- Schiusa dei giovani 12 giorni dopo l'inizio della cova (generalmente a partire dal 3ᵉ uovo)
- Uscita dal nido a circa 20 giorni
- Svezzamento a circa 35 giorni
- A disposizione dei genitori dell'isolato distribuito quotidianamente. Il paté viene messo in preparazione, poi alla nascita dei giovani (non durante la cova)
- Appena usciti dal nido, sempre dal miglio in grappolo a disposizione dei giovani
- Cibo facilmente accessibile per i giovani
- Una voliera o gabbia di volo per il buon sviluppo della muscolatura del giovane uccello

E naturalmente un monitoraggio quotidiano dell'evoluzione dell'autonomia dei giovani uccelli.

 

Michel Landry, allevatore amatoriale di selezione.
Articolo pubblicato nel 2018.

 

Invia un commento all'autore

miglio a grappolo Controllo allevamento svezzamento pastura riproduzione Couvaison Allevatore Accoppiamento anello