Cromosoma

  • Genetica del diamante mandarino: Istruzioni per l'uso

    1. Introduzione

    L'allevamento e la presentazione in concorso dei diamanti mandarini ha avuto negli ultimi quindici anni un notevole sviluppo. Per migliorare le dimensioni delle nuove mutazioni, gli allevatori ricorrono inoltre agli uccelli classici «portatori».
    Alcuni riescono a combinare diverse mutazioni. Tutto ciò ha reso indispensabile la conoscenza di un minimo di genetica applicata. Questo è il minimo che vorrei presentare agli allevatori principianti.
    Non si tratta di un corso completo di genetica, ma della semplice presentazione del metodo che uso preceduta da alcune nozioni elementari.

    2. Il diamante mandarino e le sue mutazioni

    Un diamante mandarino possiede un certo numero di caratteri visibili (dimensioni, forma, disegni, colore, sesso) che costituiscono il suo fenotipo. Può avere, oltre ad altri caratteri non espressi (si dice che è portatore). L'insieme dei caratteri, espressi o no, si chiama genotipo.

    Un giovane diamante mandarino proviene da una cellula - uovo, risultato della fusione del nucleo di uno spermatozoo del padre e del nucleo dell'ovulo della femmina. Il programma genetico dell'uccello si trova già: Una serie di divisioni cellulari e di informazioni codificate attiverà (o non) l'apparizione dei caratteri. L'informazione codificata è portata da geni situati su lunghi filamenti contenuti nel nucleo: I cromosomi.
    Tutti i cromosomi vanno in coppia: ogni cromosoma ha la sua controparte.

    Esistono due categorie di cromosomi:

    - I cromosomi sessuali:
    • XX nei maschi
    • XY nelle femmine

    - I cromosomi autosomici.

    Il diamante mandarino grigio che vive in Australia è all'origine di tutti i nostri diamanti mandarini d'allevamento. Possiede un insieme di geni distribuiti nei suoi cromosomi.
    Ogni volta che si è verificata una nuova mutazione, si è verificata una modifica di un gene originale (che si è rivelato ereditario). Il gene originale e quello mutato si trovano nello stesso punto chiamato locus su ciascuno dei cromosomi omologhi.
    Entrambi i geni sono alleli.

    genetica-del-diamante-mandarino-istruzioni-per-l-uso

    Un uccello è puro (omozigote) quando tutti i suoi alleli hanno le stesse informazioni.
    Un uccello è eterozigote per almeno un paio di alleli con informazioni diverse sullo stesso carattere.

    Si conoscono attualmente una ventina di mutazioni diverse del diamante mandarino grigio.

    Continua a leggere

  • Dorso pallido, mascherato e mascherato vecchio tipo, tre versioni alleliche

    Perché le mutazioni nel diamante mandarino che sono il dorso pallido, il mascherato (nuovo tipo) e il mascherato vecchio tipo combinati tra loro sono così difficili da predire !
    Tutti semplicemente perché non si può parlare a livello genetico di mutazioni diverse ma piuttosto di versioni alleliche di un solo e medesimo gene. Il dorso pallido, il mascherato e la maschera vecchio tipo sono dovuti ad uno stesso gene ma che ha tre versioni alleliche.
    Per capire bene facciamo il parallelo con l'uomo, il colore degli occhi per esempio, qualunque sia il nostro colore degli occhi, il nostro colore dell'iride e codificato dallo stesso gene, ma questo disagio possiede numerose versioni diverse (alleli) che ci permettono di avere il pannello di colore che conosciamo.

    Ora che sappiamo un po' di più cosa complica questi incroci, vediamo come ogni allele si comporta l'uno rispetto all'altro.
    Tutto è una storia di dominanza e codominance o recessività.

    Una piccola tabella per illustrare tutto questo :

    Allele/ allele Dorso pallido mascherato mascherato VT
    Dorso pallido x Dorso pallido Dorso pallido
    Mascherato Dorso pallido x Mascherato
    Mascherato VT Dorso pallido Mascherato x

    *VT = vecchio tipo

    In questo quadro a doppia entrata potete vedere che l'allele domina l'altro, quindi l'uccello avrà il fenotipo dell'allele che domina, attenzione non è perché l'allele è dominato che non influenza. Cf. dorso pallido/maschera VT, il dorso è più diluito a causa dell'allele mascherato VT.

    Da questo risultato possiamo trarre le prime conclusioni :

    • Il dorso pallido può essere portatore di mascherato o mascherato VT.
      Il mascherato può essere portatore di mascherato VT ma non può essere portatore di dorso pallido (dp domine mascherato = dp/mascherato). *dp = dorso pallido.
      Il mascherato VT non può essere portatore di dorso pallido, né di mascherato perché questi ultimi due lo dominano.

    Continua a leggere

  • Il copricapo o Crossing-over

    Nel 1960 apparvero in Belgio i primi diamanti mandarini dorso pallido bruni.
    Cerchiamo di capire come possa essere nata una tale combinazione di colori.

    Si sa che i fattori bruno e dorso pallido, legati al sesso, sono situati su cromosomi X, ma diversi e in posizioni (loci) diverse: (1) e (2).
    Non sono quindi, normalmente, legati (altrimenti tutti i marroni sarebbero anche dorso pallido: cosa che non è il caso).
    Come hanno potuto essere collegati sullo stesso cromosoma ? (3)

    Crossing-over

    Quando si accoppia un maschio bruno con una femmina dorso pallido grigio (o viceversa), si ottengono ogni volta maschi grigi, portatori di bruno e dorso pallido. Ogni maschio possiede quindi due cromosomi X diversi: uno con i geni «bruno» «non dorso pallido», l'altro con i geni «non bruno» e «dorso pallido». Essendo recessivi, nessuno di questi geni può esprimersi poiché è in un solo esemplare; essendo non-alleli, nessuno può dominare l'altro; è quindi un colore grigio naturale che si esprime.

    In che modo questi geni saranno trasmessi dal maschio alla sua discendenza ? Per capire bene, sono necessarie alcune spiegazioni.

    I cromosomi sono molecole molto lunghe (2 milionesimi di mm di spessore, 5 cm di lunghezza media nell'uomo) impigliate, in tempi normali, le une alle altre nel nucleo della cellula. Al momento della meiosi (divisione cellulare che permette, nei maschi, la formazione degli spermatozoi a partire dalle cellule madri dei testicoli), questi cromosomi si dividono in due cromatidi rigorosamente identici collegati tra loro da un centromero.
    Ogni cromatide poi si avvolge a spirale. Solo allora il cromosoma diventa visibile al microscopio ottico. I cromosomi si raggruppano e si legano due a due per coppia omologa.

    Durante questa fase, due cromatidi dei due cromosomi congiunti possono intersecarsi, rompersi e poi riconnettersi scambiando segmenti più o meno importanti. È questo fenomeno che si chiama lo scavalcamento (in inglese Crossing-over).
    Il gene «bruno» ha potuto così ritrovarsi legato al gene «dorso pallido» sullo stesso cromosoma X. Un maschio grigio portante bruno e dorso pallido può (ma solo in questo modo) produrre femmine dorso pallido grigio, grigie, brune e dorso pallido bruno. (12,5% di ciascuno).

    Con questa misura, lo stesso maschio può avere anche :

    • Crociato con una femmina dorso pallido: 12,5% di maschi dorso pallido grigi portatori di bruno.
    • Crociato con femmina bruna: 12,5% di maschio bruno con dorso pallido.

    Accoppiando l'uno o l'altro di questi con la loro sorella «dorso pallido bruno», è possibile ottenere (in 3ᵉ generazione): 25% di maschi dorso pallido bruno e 25% di femmine dorso pallido bruno.

    Crossing-over

    CROMATICO

    A: Normale
    B: Contratto a spirale
    C: Schematizzata

    Continua a leggere