Classificazione, origine, comportamento dei diamanti mandarini (forma selvatica)

1. Classificazione

(Fonte: Congresso ornitologico internazionale C.O.I.)

  • Ordine: Passériformes
  • Famiglia: Estrildità
  • Genere: Taeniopygia
  • Specie: Guttata
  • Sottospecie: Taeniopygia guttata

Il diamante mandarino (Taeniopygia guttata), talvolta chiamato semplicemente Mandarino, è l'estrildità più comune e familiare del centro dell'Australia.

2. Sottospecie e loro ripartizione

Esistono due sottospecie distinte.
Taeniopygia guttata guttata, il diamante mandarino di Timor, si estende da Lombok alle isole della Sonda o Nusa Tanggara in Indonesia a Sermata, oltre ai settori costieri intorno al continente australiano.
L'altra sottospecie è Taeniopygia gutatta castonatis. Quest'ultima si trova nella maggior parte dell'Australia continentale e alcune di queste varietà sono considerate domestiche.

Le differenze morfologiche tra le due sottospecie includono differenze di dimensione.
La Taeniopygia guttata guttata è più piccola (8 cm) della Taeniopygia guttata castanotis e non reca lo stesso marchio distintivo sulla gola e sulla parte superiore del torace.

3. Descrizione


Misura 8-10 cm (forma selvatica) o 12-14 cm (forma domestica) per una massa di circa 15 g. Il maschio emette un canto e un richiamo piuttosto nasale.

4. Longevità

Questo uccello può vivere da 7 a 10 anni. È un uccello robusto che può resistere a temperature di -15 ºC, sapendo che può sopravvivere ad almeno +40 ºC.

 

5. Habitat

I diamanti mandarini abitano le steppe aperte dell'Australia con cespugli sparsi e alberi, ma si sono adattati alle perturbazioni umane, approfittando dei buchi d'acqua fatti dall'uomo e degli spazi aperti dalla deforestazione. Vanno nelle città e si presentano ovunque in Australia.


6. Riproduzione in ambiente naturale


Il diamante mandarino si riproduce dopo che si sono verificate grandi piogge nel suo habitat naturale, in qualsiasi momento dell'anno. Adattabili e versatili nella costruzione dei loro nidi, i diamanti mandarini selvatici possono sistemarsi in nicchie, grotte, cespugli, macchia, tane di conigli, su nidi di termiti, vedere nei buchi presenti nelle strutture di fabbricazione umane. Al di fuori dei periodi riproduttivi, i nidi servono anche per il riposo notturno degli uccelli.

La deposizione può variare da 4 a 6 uova con una frequenza di 1 al giorno, l'incubazione è assicurata sia dalla femmina che dal maschio e dura circa 13 giorni. 3 settimane dopo, i piccoli lasciano il nido. Allo stadio giovanile il becco è nero.

In cattività, i diamanti mandarini nidificano in tutti i tipi di nidi, e possono riprodursi tutto l'anno (se le buone condizioni vengono riprodotte). Questi uccelli sono famosi per riprodursi facilmente.

7. Comportamento

I diamanti mandarini hanno un comportamento estremamente gregario ed è raro scorgere un individuo isolato. I diamanti mandarini preferiscono quindi evolversi in gruppo.

8. Uso

I diamanti mandarini sono talvolta utilizzati per modellare popolazioni aviarie.

Essi costituiscono anche un modello di studio delle capacità di interpretazione dei suoni da parte del cervello, grazie alla loro capacità di riconoscere e reagire ai canti dei loro congeneri. La loro popolarità come oggetto di studio inoltre viene dalla facilità della riproduzione.

Video di un ecologista inglese che illustra il diamante mandarino in Australia:

 

Bibliografia : Wikipedia, taeniopygia guttata 
 

Tony Lombard, allevatore amatoriale di selezione.
Articolo pubblicato nel 2018.

 

Invia un commento all'autore

forma selvatica longevità descrizione riproduzione classificazione origine comportamento